///Bietole. 10 buoni motivi per amarle

Bietole. 10 buoni motivi per amarle

Dolci, tenere e delicate, con molta discrezione s’insinuano nelle cucine di ognuno di noi e riescono a fare da padrone.
Le bietole, o Beta vulgaris var. cicla, sono piante erbacee annuali o biennali, appartenenti alla famiglia delle Chenopodiaceae o Amaranthaceae insieme alle barbabietole, di cui sono parenti strette. Sostanzialmente le bietole, che possono essere sia selvatiche che coltivate, si differenziano in due tipologie: da foglie (o taglio), dove queste ultime sono più larghe e con nervature pronunciate, e da costa, con foglie grosse e gambi carnosi. Inoltre, in base alla tipologia, si possono trovare bietole che discostano dai classici colori, bianco per i gambi e verde scuro per le foglie, verso colorazioni e sfumature che vanno dal rosso, al giallo, all’arancio.
Da quanto sembra, le bietole, anche conosciute come biete o semplicemente “erbette”, rientrano nell’alimentazione umana sin dai tempi preistorici nelle zone del Mediterraneo. Le ritroviamo nelle abitudini culinarie dei Babilonesi, che iniziarono a selezionare piante con foglie larghe per migliorare le varietà presenti, degli Etruschi e dei Romani, che le utilizzavano anche a scopo fitoterapico, e così fino ai nostri giorni. Marziale, vissuto a cavallo del I e del II secolo d.C., scriveva delle bietole come “inconsistente cibo di operai” a testimoniare quanto già da allora fossero comuni, presenti in tutte le abitazioni e adatte a tutte le classi sociali. In Europa pare che le bietole si siano diffuse a partire dalla Spagna passando poi da Francia, Italia fino ad arrivare anche oltre la Grecia. Ciò dimostra di quanto questa pianta necessiti semplicemente di un clima temperato per la propria crescita, ad ampia escursione termica, ma mai molto rigido o troppo torrido. Proprio per questo motivo, le bietole sono rintracciabili in ogni fascia territoriale che rispecchia queste caratteristiche climatiche, che sia America, Asia o Africa.
Le bietole risultano reperibili durante tutto l’arco dell’anno, ma si consiglia di consumarle durante il periodo invernale in quanto sono maggiormente pronunciate le loro proprietà organolettiche e nutrizionali.

proprietà delle bietole

Le 10 proprietà delle bietole

Osserviamo da vicino le bietole per conoscere ed imparare ad apprezzare le loro caratteristiche nutrizionali e quali benefici apportano alla nostra salute. Si tratta di un ortaggio veramente ipocalorico, con appena 15 calorie ogni 100 grammi, costituito essenzialmente da acqua, per circa il 93%, e fibre solubili, e ridottissime percentuali di zuccheri, proteine e grassi. Ci basterebbero 10 buone motivazioni per non far mancare le bietole dalle nostre tavole. Ebbene, ve ne diamo proprio 10.

    1. Le bietole regolano i livelli di zucchero nel sangue. I fenoli presenti in questi ortaggi evitano il verificarsi di picchi glicemici mentre le fibre alimentari contribuiscono ad abbassare l’indice glicemico del pasto, a regolare l’assorbimento lipidico e a favorire il senso di sazietà. Le bietole, quindi, sono perfette per prevenire o combattere condizioni di sovrappeso, iperlipidemia e Diabete mellito di tipo 2.
    2. Le bietole sono ottime alleate del sistema cardiovascolare. I fitonutrienti, i composti organici e i sali minerali presenti, in particolar modo il potassio, hanno un effetto benefico sulla pressione arteriosa prevenendo l’ipertensione. Inoltre, l’azione delle fibre si riflette anche sull’apparato cardiocircolatorio in quando esse riducono i livelli di colesterolo “cattivo” o LDL nel torrente circolatorio. Il risultato è una prevenzione nei confronti di aterosclerosi, infarti e ictus.
    3. La vitamina C e le fibre agiscono nell’organismo da potenti antiossidanti: combattono i radicali liberi prevenendo gli effetti dell’invecchiamento e la formazione di cellule cancerose.
    4. Le bietole preservano la salute degli occhi. Il contenuto di beta-carotene, convertito nell’organismo in vitamina A, insieme a luteina e zeaxantina, apportano benefici alla salute degli occhi, diminuiscono le difficoltà visive nei soggetti inclini a problemi durante la visione crepuscolare e notturna, diminuisce il rischio di cataratta come anche il rischio di patologie come la degenerazione maculare.
    5. Mangiare bietole fa bene per la salute delle ossa. Grazie ad un buon contenuto di calcio, magnesio e vitamina K, le bietole stimolano la crescita e lo sviluppo delle ossa oltre ad avere un effetto protettivo nei confronti dell’osteoporosi.
    6. Le sostanze benefiche contenute nelle bietole aiutano a migliorare le proprietà cognitive. Vitamina K e potassio, infatti, sono elementi preziosi per il sistema nervoso e spiccano proprio in questo tipo di verdura.
    7. Le bietole sono un’ottima fonte di acido folico. Questa vitamina è essenziale per le donne in gravidanza in quanto previene gravi malformazioni fetali, permettendo il corretto sviluppo del sistema nervoso nel nascituro e la sintesi di emoglobina e amminoacidi.
    8. Le fibre contenute nelle bietole sono un toccasana per l’intestino. Esse contribuiscono a regolarizzare la peristalsi e con essa la funzionalità intestinale prevenendo la stitichezza e la formazione di gas che possono arrecare crampi e dolori addominali.
    9. Le bietole contengono un’alta concentrazione di vitamina C. La sua assunzione migliora il benessere del sistema immunitario proteggendo da malanni stagionali come il raffreddore o l’influenza.
    10. Le bietole sono alleate della pelle. Con le loro capacità drenanti e detossificanti, le bietole allontanano le sostanze tossiche dall’organismo riflettendo lo stato di benessere anche a livello cutaneo aiutando a prevenire acne e pelle secca. Inoltre le bietole cotte, strizzate e destinate ad un uso topico, aiutano anche a trattare problemi della pelle come psoriasi, eczema, abrasioni e ustioni leggere.

curiosità e controindicazioni

Curiosità e controindicazioni

Non avete idea su come preparare le bietole? Vi suggeriamo noi qualcosa.
Sicuramente le metodologie più salutari sono la cottura a vapore per non disperdere le sostanze nutritive oppure un consumo a crudo, anche se in questo caso il gusto può risultare essere amarognolo. Il modo più comune di preparare le bietole consiste nel bollirle in acqua abbondante e condirle con olio e limone o aceto: ma avete mai provato ad utilizzare le bietole bollite per qualche focaccia o torta salata? Per rendere le bietole più gustose si può pensare alla loro preparazione in padella: bastano pochi minuti e un po’ di fantasia. Infine, con pochi minuti di più, si può pensare ad un piatto cotto in forno con olio, parmigiano e pan grattato per creare piatti o contorni sfiziosi e pieni di gusto.
Le bietole sono ottime in associazione con i legumi. Entrambi sono ricchi di sali minerali e vitamine. Le bietole però favoriscono la digestione dei legumi e prevengono la formazione dei gas intestinali da essi causati.
Bisogna stare attenti a non cuocere troppo le bietole perché perderebbero quasi la totalità delle loro proprietà nutrizionali ed organolettiche.
Si raccomanda a coloro che soffrono di calcoli renali di limitare il consumo di bietole in quanto producono sodio ossalato che, combinato con il calcio, produce ossalato di calcio, una delle principali cause dei calcoli ai reni.

2018-10-10T17:45:44+00:00 ottobre 10th, 2018|Benefici e curiosità sugli ortaggi, Proprietà|0 Comments

Leave A Comment