Conosciamo i produttori: Società Agricola Raffaeli 1899 di Davide Raffaeli

  • Admin
  • 08/07/2019

Cosa c’è di più bello del fare la spesa, comprare i prodotti di consumo quotidiano, quelli che non dovrebbero mai mancare su una tavola ed in una cucina e, non solo leggere la provenienza, ma anche sapere dove sono maturati quei frutti e quelli ortaggi e soprattutto conoscere chi si è preso cura con amore e dedizione dei terreni, degli alberi, delle piante e quindi anche dei propri clienti? Questo rende affascinante Orto e Porto: l’essere un tutt’uno con i produttori, conoscere le loro storie e avvicinare i clienti ai loro terreni, alle loro aziende ed ai loro splendidi prodotti.

Oggi vogliamo presentarvi l’Ingegner Davide Raffaeli, olivicoltore di Cerignola, in Puglia, produttore versatile, lungimirante, legato alle tradizioni e attento alla qualità.

State a sentire cosa ci ha raccontato.

 

Davide, i tuoi terreni, le tue piante hanno tanto da raccontare sulla storia della tua famiglia, sulla storia della tua azienda, ma anche di te, delle tue tradizioni, del legame alla tua terra e della nascita della tua professione. Hai voglia di raccontarci qualcosa?

“Io sono nato a Torino, da genitori pugliesi, e poi sono ritornato con i miei a Cerignola, il loro paese d’origine. Nella mia famiglia l’olio è stato sempre al centro: da 120 anni lamia famiglia coltiva olivi e produce olio per uso personale oppure per allietare il palato dei loro amici. Oltre all’olio fanno da sempre parte della medesima passione anche la frutta, gli ortaggi ed il grano duro. Io prima facevo tutt’altro, non era questa la mia professione principale; dal 2005, ad esempio, mi sono occupato di energia rinnovabile, con sedi a Cerignola e Torino. Ad un certo punto mi sono reso conto che il mio lavoro era diventato sterile e ho deciso di cambiare la mia vita, seguendo ciò che mi rendeva realmente felice, cioè coltivare le mie passioni. Così ho preso in gestione parte dei terreni di mio padre e ho iniziato a lavorare insieme a lui, mio padre a Cerignola ed io a Susa (dove vivo con moglie e figli), continuando a fare spesso su e giù dal Piemonte alla Puglia e viceversa. Da lì è nata l’idea di commercializzare il prodotto e tre anni fa è nata la Società Agricola Raffaeli 1899 col brand Mia Poesia.

 Perché Raffaeli 1899?

“1899 è l’anno di nascita di mio nonno Francesco, poeta contadino, contabile e mastro potatore, chiamato l’Italiano perché aiutava i coloni e i mezzadri a leggere, scrivere e contare per non essere più schiavi della loro stessa ignoranza...”

 Possiamo dire quindi che il ricordo del nonno è sempre vivo tra voi…

“Certamente. Gli anziani di Cerignola mi raccontavano che vederlo all’opera tra i suoi ulivi era poesia pura. Dedico tutto a lui ed alla tenacia di mio padre Michele sindacalista, conosciuto a livello nazionale e amato per la sua propensione a fare del bene ed aiutare il territorio: entrambi hanno perpetrato fortemente questo legame per la nostra meravigliosa terra. Il nome del nostro olio è Mia Poesia, dedicato proprio al nonno Francesco, che scriveva poesie agresti: il suo quadernetto Pigna lo custodisco gelosamente e per ora non intendo pubblicarlo, mantenendolo nella sfera dell’intimo e personale… forse qualche verso sui prossimi prodotti…”

 Davide, vuoi raccontarci qualcosa sul tuo olio Mia Poesia?

“Da due anni abbiamo iniziato a spingere di più sulla commercializzazione dei nostri oli. Produciamo due oli CRU monovarietali: olio di coratina 100% e olio di peranzana 100%, entrambi con un grado di acidità inferiore allo 0,1%. Gli alberi di peranzana crescono per lo più in territorio collinare del subappennino Dauno; l’olio che ne deriva è un fruttato medio, molto profumato ed a tutto pasto. Gli alberi di coratina, ulivo principe pugliese, invece crescono nei nostri territori storici a Cerignola; l’olio che produciamo da questi alberi ha un gusto fruttato intenso con sentore di erba falciata mista a sentore di carciofo. A Susa sta nascendo un prossimo uliveto con alberi di peranzana, di leccino e di coratina. Sarà un collegamento con gli alberi presenti in Puglia, in modo da restare legati alle nostre radici pur mantenendo il nostro essere protagonisti geograficamente su Torino.

Le nostre olive coratine vengono raccolte già mature ma poco invaiate: l’olio che produciamo mantiene il suo giusto amaro e piccante, con un altissimo contenuto di polifenoli, tanto da essere considerato un prodotto di fatto nutraceutico.”

Sappiamo che per ottenere un buono olio sono importanti tutte le fasi, dalla coltivazione delle olive alla raccolta fino alla trasformazione. Vuoi parlarci della tua filiera produttiva?

“La mia azienda non è ancora dichiaratamente BIO ma è in trasformazione, soprattutto per quanto riguarda l’ultimo uliveto aggiunto. Questo significa che sulle nostre piante non utilizziamo anticrittogamici se non quelli consigliati dal disciplinare BIO. Sfruttiamo le trappole a feromoni, utilizziamo concimazioni ottenute dai prodotti naturali, facciamo attenzione che il terreno intorno all’albero sia estremamente pulito. La raccolta la effettuiamo tramite bacchiatura e raccolta a mano in modo da non deteriorare le olive. Nel frantoio proseguiamo con le altre frasi, con frangitura a pietra e ciclo di gramolatura, centrifugazione e separazione. La temperatura di lavorazione presso il nostro frantoio è quella tipica dell’estrazione a freddo, quindi intorno ai 20-25°C, riscontrabile nella qualità del nostro olio. Infine, per preservare l’olio dall’ossidazione, lo conserviamo sotto gas, lontano dal contatto con l’ossigeno.”

Il vostro prodotto è molto apprezzato. Raccontaci delle sinergie che avete creato.

“Sì, il nostro olio riscuote successo e viene apprezzato ormai in diverse parti del mondo: siamo tra i migliori 5 oli in Puglia secondo il «Puglia Food Awards», abbiamo ricevuto tre Stelle Bellavita al «Bellavita Awards Amsterdam» a Gennaio 2019, l’olio di coratina è risultato tra i 200 migliori oli al mondo a Tokyo ad Aprile 2019 e la Guida internazionale Flos OLEI colloca la nostra azienda tra le migliori al mondo. Il nostro olio è molto apprezzato a Torino da diversi gruppi del food come GERLA, chef del calibro di Luca Andrè di Soul Kitchen di Via Santa Giulia e Chef Antonio Chiodi Latini in Via S. Quintino, oltre a diverse collaborazioni con importanti nomi e Maestri del Gusto nel settore della panificazione, come Marzo, Voci e Marangon.

Ci piace valorizzare e fare co-branding con le diverse realtà. Così nascono le collaborazioni, mantenendo intatta la soggettività e filosofia delle stesse aziende.”

 Avete anche altre produzioni o fate degli altri trasformati?

“Certo. Abbiamo campi di grano duro da cui produciamo la pasta artigianale, apprezzata già da moltissimi per la rugosità dovuta alla Trafilatura in bronzo e lentissima essiccazione. Il grano è di filiera certificata ‘amica’ ed è lavorato su territorio Dauno; si tratta di grano duro Senatore Cappelli e grano duro Saragolla, grani antichi con basso indice glicemico, alto contenuto proteico e glutine destrutturato, quindi più digeribili. Produciamo pasta di semola normale, di semola integrale e di grano arso. I formati di pasta sono sia quelli della tradizione, come orecchiette o cavatelli, sia quelli più commerciali, come fusilli e penne.  Tra gli altri derivati del grano, abbiamo anche taralli e tarallini di diversi gusti e con diversi aromi, tipici della tradizione pugliese.

Abbiamo anche campi adibiti ad orto e con gli ortaggi ci deliziamo nella produzione di ‘boccacci’, conserve della tradizione in veste gourmet: olive da tavola, patè, conserve di pomodorini, peperoncini, carciofini e quant’altro, per soddisfare ogni gusto ed ogni fantasia.

Infine, abbiamo anche il vigneto dove portiamo avanti l’uva fino alla sua maturazione per poi conferirla in cantina, ma questo rimane un vezzo privato del Senior Michele….

A voi di Orto e Porto e tutti gli amici clienti diamo il benvenuto nel mondo della Famiglia Mia Poesia!”

 

Davvero interessante il percorso di Davide e la sua azienda. Dalla sua storia si percepisce il suo legame alla sua terra e alle sue radici, il suo desiderio di rimanere saldo con i piedi ma allo stesso tempo puntare in alto. Se avete voglia di provare il gusto di quello che si definisce olio extravergine di oliva veramente di qualità, allora non potete non provare l’olio degli alberi della famiglia Raffaeli. Se avete voglia di un tuffo nella tradizione, assaggiate gli altri suoi prodotti. E poi raccontateci delle sensazioni che hanno suscitato in voi.

 

Categoria: Produttori

Spesa online? Ortoeporto.it

Spesa a domicilio: Orto e Porto consegna la spesa a casa

 
Inizia a fare la spesa!