Carciofo: che qualità comprare?

  • Admin
  • 08/03/2019


La primavera porta con sé i carciofi, piante erbacee tipiche dei Paesi che si affacciano sul bacino del Mediterraneo. E quando i carciofi diventano di stagione, vien voglia di prepararli nei modi più fantasiosi possibili, e quindi ci si inizia a divertire con diverse ricette con i carciofi: dai carciofi ripieni alla pasta con carciofi, dai carciofi alla romana al risotto ai carciofi. Ma prima di scoprire come cucinare i carciofi sarebbe anche addentrarci nella loro storia e tra le loro curiosità. Lo sai che esistono tante varietà di carciofi? E Lo sai che aggiungere i carciofi nell’alimentazione è una scelta più che corretta? Continua a leggere tra le prossime righe. Scoprendo le proprietà nutrizionali del carciofo, imparerai ad apprezzarlo ancora di più e a non rinunciarvi, soprattutto quando è di stagione.


Chi è il carciofo?

Il carciofo (Cynara cardunculus scolymus) è un ortaggio molto conosciuto, che appartiene alla famiglia delle Asteracee; si tratta di un frutto della terra conosciuto sin dall’antichità ed è stato introdotto in Europa dagli arabi. Ne esistono diverse varietà, che fioriscono diverse volte nel corso dell’anno. Il carciofo selvatico è quello ricco di spine, quello più amato dai contadini invece è quello appartenente a tipologie più delicate per le loro mani. Tra le varietà più famose, si annovera il carciofo spinoso sardo, seppur ricco di spine, molto apprezzato e coltivato nel periodo che va da maggio ad ottobre; la sua caratteristica è la forma conica e gli aculei particolarmente aguzzi. Questo carciofo è simile al carciofo spinoso d’Albenga, varietà ligure dal gambo lungo e con foglie verdi sfumate in bruno-violetto con spine gialle. Il carciofo romanesco è un’altra varietà molto diffusa e apprezzata; in questo caso si tratta di un ortaggio che si sviluppa nella bella stagione e si distingue per l’assenza di spine. Simile al carciofo romanesco è il carciofo di Paestum, prodotto IGP, caratterizzato per precocità, capolino tondo, compatto e grosso. Una varietà meno diffusa ma molto caratteristica è il carciofo viola toscano, particolare per il suo sapore intenso e il colore che va dal bluastro al violaceo. Oltre a queste varietà, le più conosciute, ci sono davvero tante altre varietà, provenienti da diverse zone d’Italia, tutte caratteristiche e dai sapori molto apprezzati.


Il carciofo: la storia e i segreti di questo meraviglioso ortaggio

Il carciofo, nel passato, è stato un ortaggio estremamente raro da trovare in circolazione. Attualmente è coltivato nelle nostre regioni temperate. Anticamente veniva spesso utilizzato per le sue qualità medicinali, essendo un potente diuretico ma se ne conoscono anche le proprietà regolatrici della funzione del fegato. La Cynaroterapia è diventata una vera e propria cura negli scorsi anni, che serve per trattare i disturbi della sfera epatica e biliare. È stato solo recentemente che le qualità culinarie del carciofo hanno iniziato ad essere apprezzate su vasta scala rendendolo un prodotto ancora più apprezzato e presente sulle tavole degli italiani.


Tutte le proprietà del carciofo

Le qualità del carciofo sono molto apprezzate tanto che viene ritenuto un vero alleato per il nostro stomaco oltre che un ottimo regolatore delle funzioni biliari e del fegato. Ma le sue proprietà benefiche non si limitano a questo: il carciofo infatti ha delle importanti proprietà anche come sedativo per la tosse ed è in grado di prevenire la formazione dei calcoli, se consumato con frequenza. I carciofi, inoltre, hanno un effetto particolarmente stimolante sulla diuresi, regolano la flora batterica e le funzioni intestinali, contribuendo al benessere dell’organismo. Le fibre presenti nel carciofo, come ad esempio l’inulina, agiscono principalmente a livello dell’apparato digerente, migliorando il transito intestinale e regolando la concentrazione di colesterolo in circolo. Nel carciofo, per un apporto calorico davvero modesto (pari a 18 calorie ogni 100 grammi), sono presenti importanti quantità di sali minerali come ferro, magnesio e fosforo, che migliorano l’equilibrio dell’organismo, vitamina A e vitamina C, che garantiscono il potente effetto antiossidante di questo ortaggio. Grazie inoltre alla presenza dell’acido clorogenico, il carciofo ha un grande potere antiossidante in grado di contrastare l’invecchiamento cellulare, prevenire le malattie arteriosclerotiche e quelle cardiovascolari. Tra le tante proprietà dei carciofi c’è anche la loro grande capacità di tenere sotto controllo i livelli di insulina in circolo, quindi si configurano come particolarmente adatti per i soggetti diabetici.

Le proprietà del carciofo, specie quelle rivolte a livello gastrico, sono molto apprezzate ed sfruttate tanto che viene spesso utilizzato per la produzione di amari e digestivi davvero molto conosciuti.


Quali carciofi scegliere

Tra le tante tipologie di carciofi esistenti, è sempre bene scegliere quelli che presentano l’aspetto migliore; è importante scegliere i più compatti con le punte strette e poca peluria all’interno. Questi sono i carciofi più giovani, che conservano pressoché inalterate le loro proprietà. Saranno inoltre da preferire i carciofi con una colorazione viva e senza macchie, con il gambo sodo al tatto e senza segni visibili.


Curiosità sul carciofo

Orazio, uno dei maggiori poeti dell’età antica, maestro di eleganza e di ironia, pare si fosse ispirato al nome del fiore del carciofo per decidere il soprannome dei una sua giovane amante, probabilmente legato ad aspetti fisici avvenenti oppure a lati caratteriali piuttosto spinosi

Tra le altre curiosità legate a questo popolare ortaggio ce n’è una che risale all’epoca di Caterina de Medici, moglie di Enrico II, che si dice apprezzasse particolarmente le proprietà di questo ortaggio; la leggenda di questo ortaggio lo definisce come il cibo dei nobili ed in effetti si dice che i banchetti di Caterina abbondassero in gran misura di carciofi cucinati in tutti i modi conosciuti.

Sempre in epoca rinascimentale, pare che il carciofo venisse considerato utile anche per stabilire lo stato di gravidanza e il sesso del nascituro con metodi poco ortodossi e, oggi, di dubbia veridicità.

Un’altra curiosità sul carciofo è quella che riguarda la città di Castroville in California, nota in tutti gli Stati Uniti d’America per la grande produzione di carciofi. Sin dal lontano 1947, infatti, questa allegra città è la sede di un famoso festival celebrativo del carciofo e, proprio nell’anno della nascita della manifestazione, ad essere eletta reginetta di bellezza in questa competizione fu niente meno che Marilyn Monroe, l’attrice destinata a rimanere nella storia.

Consigliamo di aggiungere il carciofo nella vostra dieta e quindi nei vostri piatti, soprattutto quando è stagione. Un’idea può essere anche quella di utilizzare le sue foglie per fare delle ottime tisane, dalle proprietà diuretiche e depurative. Basteranno una ciotola d’acqua e pochi grammi di foglie di carciofo essiccate per ottenere un infuso sano e dalle proprietà benefiche per tutto l’organismo.

Categoria: Verdura

Spesa online? Ortoeporto.it

Spesa a domicilio: Orto e Porto consegna la spesa a casa

 
Inizia a fare la spesa!